Isola di Santorini arte e leggende della Grecia antica

 

Santorini tramonto

Il nostro primo viaggio alle isole greche, ed in particolare all’ isola di  Santorini, risale a qualche tempo fa. Inizialmente la caratteristica che più ci ha incuriosito era il colore particolare delle case. Muri spessi e bianchissimi con tetti azzurri o color ocra, chissà se c’era un particolare motivo?! Anche in questo caso la nostra voglia di scoprire un luogo, era nata da una curiosità. Dato che a noi piace troppo trovare le risposte alle nostre curiosità… pronti, partenza!

Santorini grecia 6

Origini e leggende dell’ isola di Santorini

Ancora prima di partire, abbiamo cercato di capire meglio le motivazioni di questa particolarità, che permette di riconoscere l’isola di Santorini, in una qualsiasi foto che possiamo trovare in rete. Mai potevamo pensare ad un significato tanto profondo e ponderato, questi colori infatti simboleggiano… la libertà.

I greci hanno vissuto sotto la dominazione Turca per più di 400 anni e il loro dipingere i tetti azzurri e le case bianchissime, era in ricordo della loro bandiera, che purtroppo non potevano esporre. La bandiera si chiama Galanolefci che significa proprio, blu e bianco, mare e libertà, quella che hanno cercato per tanti anni.

santorini grecia 6

Arrivando in aereo la prima caratteristica che attira la nostra attenzione, è la forma a mezza luna dell’isola di Santorini, la più meridionale dell’arcipelago delle Cicladi, nel mare Egeo. La forma sembra sia dovuta alla devastante eruzione, avvenuta 3500 anni fa circa.

La sua bellezza selvaggia e le sue aride scogliere a picco, si stagliano per centinaia di metri, dove non cresce o pascola niente che possa addolcire la vista della caldera. Gli unici colori sono le striature rossastre, nere e grigio pomice, che ci raccontano la sua storia drammatica. In cima alla roccia le case bianche che spiccano come una corona, riescono quasi a placare l’intensità di questo paesaggio selvaggio e a volte cupo.

Molti vulcanologi ipotizzano che l’isola di Santorini rappresenti l’Atlantide raccontata da Platone. Nei suoi Dialoghi parla di una civiltà di uomini nobili, situata oltre le Colonne di Ercole, l’attuale Gibilterra. Erano capaci di dominare il Mediterraneo, ma purtroppo furono spazzati via da un violento terremoto. Inoltre nella località di Akrotiri che ne parliamo nell’articolo delle spiagge di Santorini, uno dei più importanti siti archeologici del Mar Egeo, gli archeologi trovarono una città quasi intatta.

A circa 9 chilometri da Firà, i resti di questo villaggio sono come quelli di Pompei. Scopriamo quindi come questa fosse una civiltà molto sofisticata, e organizzata, con un sistema idraulico avanzato. Soprattutto il Palazzo di Atlantide, descritto da Platone, è veramente molto simile a quello di Akrotiri, sia nelle forme, sia nei materiali. Chissà!

santorini grecia 4

Cosa vedere a Santorini

Appena atterrati si può prenotare un’auto, un motorino oppure farsi portare da un taxi al vostro alloggio e prenotare con più calma successivamente, tanto le agenzie di noleggio, sono in ogni angolo. Ci sono anche gli autobus, che permettono di girare tranquillamente per l’isola. Santorini è comunque un concentrato di emozioni, ogni località è diversa ed esaltante.

Abbiamo Firà (Thira), il capoluogo di Santorini. La sua posizione suggestiva, sul ciglio del cratere, lascia incantati! Noi siamo stati ore, seduti lungo la scogliera ad ammirare il seducente paesaggio della caldera, abbinato alla famosa architettura cicladica, che fanno di Firà, uno dei paesaggi più belli di sempre.

Nella parte bassa troviamo il porticciolo vecchio, seguendo il pittoresco selciato che traccia una linea a zig-zag lungo la roccia, noi lo abbiamo raggiunto a piedi, molti si fanno portare dagli asinelli. Ma se poi volete risalire con un mezzo più comodo e moderno, potete anche prendere la teleferica.

Il grande flusso di persone, il rumore, la ricostruzione hanno modificato il colore locale, ma passeggiare per le stradine di Firà è ancora un gran piacere. Le case bianche con i portici, le terrazze e i balconi con vista sulla caldera, le chiese con le cupole, le trattorie e i negozi creano un vivace movimento che non può che lasciarci affascinati!

Santorini grecia 7

Una volta usciti da Firà, il resto di Santorini è una vera sorpresa, il suolo vulcanico è fertilissimo e ogni spazio disponibile è terrazzato e coltivato.

A due chilometri da Firà troviamo Imerovigli, il cui nome arriva dall’epoca dei pirati, infatti significa vedetta del giorno. Si tratta di un bellissimo paesino che abbina il suo ambiente cosmopolita con l’armonia e la tranquillità, che difficilmente troviamo ancora in altre zone di Santorini.

santorini grecia 7

Se il vostro obbiettivo è la ricerca dell’antica civiltà di Santorini allora non può mancare una visita al sito archeologico di Akrotiri a pochi chilometri da Firà. Qui troviamo un’intera città minoica con case a due e tre piani, decorate da affreschi. Si tratta di luoghi di vita familiare, con la strada, le fogne, laboratori e il mulino. Gli scavi hanno portato alla luce una parte della città lunga e stretta

L’elegante Oia (Ia), si trova sulla punta settentrionale, ed è sicuramente la cittadina più caratteristica, è qui che troviamo le pittoresche chiese dalle cupole blu. La sua particolare architettura suscita ammirazione. Case scavate nella lava, danno una caratteristica particolare perchè sono tutte colorate. I muri dipinti di ocra e le cornici di porte e finestre sono fatte di travertino rosso. Qui c’è il tramonto più famoso, che ogni sera libera un applauso per il bellissimo spettacolo, come se fossimo davanti ad una prima teatrale!

Consigli per soggiorni e strutture alberghiere ad Oia.

Cosa mangiare a Santorini

sals tzatziki

Per mangiare troviamo tutti i tipici piatti greci, ma lo Tzatziki è il piatto che più abbiamo amato, insieme alle tipiche insalate greche. Fresco, cremoso, accompana molti piatti, anche i crostini, ma può essere un semplice spuntino durante tutta la giornata. Fatto con yogurt greco , aglio e cetriolo, è veramente squisito!

Ma i piatti greci hanno gusti mediterranei, simili a quelli italiani, per cui è difficile trovare qualcosa che non piaccia assolutamente. Logicamente non manca il pesce fresco. Consigliamo nel porto vecchio di Firà (Thira) la taverna Lombranos, scavata nella roccia e proprio davanti alle barche ormeggiate. La serata, accompagnata da musica greca e magari da un sirtaki, sarà davvero speciale!

moussaka grecia

Se non vi piace il pesce, come a me, potete assaggiare anche la moussaka che è un pasticcio a base di carne, melanzane, salsa di pomodoro e patate tritate, non leggerissima, ma da provare.

Per finire il dolce che abbiamo preferito è il galaktomboreko, a base di crema

gallato

Assaggiate i vini dell’isola, anche se possono sembrare troppo dolci, sono simili ai vini siciliani. Ci sono il visàndho e il nikhtèri, che sono fra i più pregiati delle Cicladi.

Logiacamente in una vacanza a Santorini non possono mancare le particolari spiagge e il bellissimo mare.

Prossimamente: Santorini, spiagge, mare e…

Per informazioni potete visitare anche questo sito: Grecia.info


Ti è piaciuto il nostro articolo?
Iscriviti alle nostre newsletter e rimani aggiornato sui nuovi articoli!


 

Ti piace l'articolo? Condividilo!
Author

17 Comments

  1. È la prima volta che leggo sul significato della bandiera della Grecia! La moussaka è sempre stato il mio piatto preferito, fino a che non sono diventata intollerante alle melanzane! Bell’articolo, sprona ad andare!

    • Angi Reply

      Grazie mille! Quando andrai fammi sapere se ti è piaciuta l’isola di Santorini! 🙂

  2. Non sono un’amante delle isole greche, devo ammetterlo.
    Però i paesaggi e la cucina mi piacciono davvero tanto, quindi prima o poi gli ridarò un’occasione.

  3. Non conoscevo la storia dei colori dell’isola ma Santorini è in programma. Volevo abbinarla a Mykonos, ma adesso hanno prezzi elevatissimi (almeno Mykonos molto richiesta) e vedrò il da farsi. Conosco bene il moussaka ogni tanto lo faccio come alternativa alle lasagne al forno.

  4. Di Santorini ho ricordi meravigliosi di quando ero piccola, sei o sette anni, e la vidi per la prima (e ultima purtroppo fino ad ora) volta in gita in barca da Creta. Ricordo il caldo asfissiante, l’odore forte dei muli che portavano le persone lungo le salite per arrivare in citta’, ma soprattutto lo spettacolo di case bianche e blu e il riflesso stupendo del mare. Ci tornerei anche domani se fosse possibile, davvero davvero stupenda!

    • Angi Reply

      Hai passato benissimo le tue emozioni che condivido appieno. Ti auguro e mi auguro di tornarci prestissimo!!! 🙂

    • Angi Reply

      È come se desse ancora più spessore al bellissimo paesaggio!!! 🙂

  5. Non ci sono mai stata credo che sarà la mia prossima meta è davvero meravigliosa!

  6. maria boiano Reply

    Non ci sono mai stata a Santorini, ma vorrei andarci presto, infatti sto cercando più info possibili, grazie mille!!!

  7. Mara Mencarelli Reply

    Sono stata in Grecia ma non a Santorini, comunque da come lo descrivi, deve essere veramente un’isola molto bella!!!

  8. La mia amica va da anni a Santorini in ferie e dice che ogni volta ne ritorna rigenerata, che se potesse si trasferirebbe lì! Un anno mi sa che dovrò andare con lei anche io…!!!

  9. Concordo su Imerovigli…. ho dormito lì. Posto tranquillo e splendido, forse più di Oia, perchè molto più tranquillo. Hai fatto la camminata fra Fira e Oia? Per me è stato il momento più bello del nostro soggiorno a Santorini.

Write A Comment