Jorit la street art dei grandi murales

Jorit Agoch è uno degli street artist del momento, colui che esalta, i guerrieri del nostro tempo, nei suoi grandi murales. Noi lo abbiamo scoperto ammirando, quasi per caso, la nascita di un suo murale, in un condominio che si affaccia su piazza Leopoldo, nell’immediata periferia di Firenze. Qui, il grande volto di Nelson Mandela, domina ora la piazza, in una parete cieca di oltre 125 mq.

Murales di Jorit Nelson Mandela Firenze

Il grande murales di Nelson Mandela

Il sorriso rassicurante e fiero di Nelson Mandela, uomo-simbolo della lotta per i diritti umani, si trova a Firenze. Il Premio Nobel per la pace del 1993, domina un  muro alto 14 metri, per 9 metri di larghezza, in un condominio di edilizia residenziale pubblica, ribattezzato per l’occasione il Condominio dei Diritti.

L’idea del murale è nata su iniziativa dell’Associazione Mandela Forum, in occasione dei 100 anni dalla nascita del leader sudafricano, che ha strenuamente lottato per l’uguaglianza dei diritti fra tutti gli uomini.

Per realizzare questo murale, Jorit ha impiegato 12 giorni di lavoro, ed ha utilizzato 300 bombolette di vernice spray. Il lavoro è iniziato con un trademark tipico dei suoi dipinti, delle frasi nascoste sui diritti umani, poi coperte dal murale, ma che rimangono sul muro a futura memoria.

Finito il lavoro, ha donato agli inquilini del condominio, tutti i pennelli e i vari strumenti utilizzati per la sua realizzazione. Un gesto simbolico, per ricambiare chi gli portava spesso qualcosa da mangiare, mentre lavorava al grande murale.

Murales di Jorit Nelson Mandela Firenze 3

Jorit, la sua street art

Il vero nome di Jorit è Ciro Cerullo, nasce a Napoli nel 1990, da padre italiano e madre olandese. I suoi inizi sono simili a quelli di molti artisti di strada, con graffiti e disegni illegali su treni e muri, lungo le ferrovie. Con il tempo, Jorit, sposta la sua idea di arte, affina l’uso dei colori e inizia a realizzare ritratti di persone o personaggi, del nostro tempo, in giganteschi murales. La sua tela, sono le facciate cieche di edifici suburbani.

Inizia infatti, una serie di grandi murales, dal forte impatto visivo. La sua è sia un’opera di riqualificazione delle periferie, grazie all’arte, sia un messaggio sociale. Nei volti delle persone ritratte, ci sono sempre due strisce rosse, per sottolineare che, tutti indifferentemente, facciamo parte della tribù umana. È un modo, per dare rilievo, al suo messaggio di unità fra gli uomini.

Troviamo così, ritratti di personaggi più conosciuti, alternati, a ritratti di persone, che hanno combattuto battaglie più o meno personali, per i propri e gli altrui diritti. Il volto di Maradona (Dios umano) accanto allo scugnizzo Niccolò (Essere umani), nella periferia degradata di San Giovanni a Teduccio, Ilaria Cucchi in un edificio del Vomero, Nelson Mandela a Firenze, la bambina di Ponticelli, il bambino con la pagella scolastica nel giubbotto, e così tantissimi altri.

Dove sono i murales di Jorit

I suoi murales, vere e proprie opere d’arte, sono soprattutto a Napoli, ma a partire dal 2005, la sua fama si diffonde. Jorit realizza opere a Buenos Aires, New York, Cochabamba (Bolivia), Las Vegas, Santiago del Cile, Sacramento, San Francisco, Shenzhen (Cina Sud-Orientale) e Gaza. Molte testate giornalistiche straniere iniziano ad interessarsi a lui.

Murales di Jorit Cochabamba Bolivia

In Italia, a Napoli, i suoi enormi dipinti, si trovano anche nei pressi del centro storico. Il murale di di San Gennaro, a Forcella, è forse il più famoso, grazie anche all’era di Instagram, che ne ha permesso, la veloce diffusione mediatica. È stato creato in onore del santo patrono di Napoli, usando come riferimento, il volto di un amico, che lavora in una carrozzeria.

Murales di Jorit San gennaro

A Betlemme, Jorit, è stato imprigionato, insieme ad un suo collega, per aver dipinto il volto di una ragazzina palestinese, su una barriera di cemento, che divide la zona palestinese da quella israeliana.  Anche per questa sua attenzione sociale, oltre al forte gioco di luce ed ombra, qualcuno lo paragona al Caravaggio.

Se l’arte è libera emozione, la street art e i grandi murales, ne sono la sua più attuale evoluzione democratica. Forme e colori, fruibili a tutti, decorano le città e lasciano spesso messaggi di libertà ed uguaglianza. Sicuramente è qualcosa su cui riflettere.

Se volete conoscere meglio i grandi murales di Jorit…. questo è il link alla sua pagina Jorit graffiti

Consigli per soggiorni e strutture alberghiere.


Ti è piaciuto il nostro articolo?
Iscriviti alle nostre newsletter e rimani aggiornato sui nuovi articoli!

Privacy Policy


 

Ti piace l'articolo? Condividilo!
Author

14 Comments

  1. Ho visto dei murales bellissimi da poco in Portogallo, sia a Porto che a Lisbona. Uno che mi ha colpito molto è su un’intera facciata a Porto, chissà che non sia di uno dei murales di Jorit…

    • Angi Reply

      Anche in Portogallo amano molto la street art, magari se ancora non c’è, presto anche loro ospiteranno un murale di Jorit! 😉

      • Ho avuto modo di vedere il dipinto di Mandela, ma non conoscevo l’ autore. Bellissima la sua arte e emozionante il suo impegno.

  2. Avevo appena sentito parlare di Jorit ma non avevo mai visto i suoi murales. Prossimamente dovrei andare a Napoli e andrò a cercarli. Grazie per la dritta.

    • Non conoscevo questo artista ma ora che lo scopro è davvero incredibile! Sono appena stata a Napoli e nonnci tornerò presto ma Firenze è relativamente vicina e spero di passarci presto.

  3. sheila atrendyexperience Reply

    Meravigliosi questi murales, che arte strepitosa, non conoscevo questo Jorit, ma che talento!!!

  4. Sono appena stata a Dozza, piccola frazione accanto a Imola per vedere i murales sulle case del paesino e non ho visto questo. Sono una frana. Sono anche fiorentina. Non ho scuse!

    • Angi Reply

      Spesso non ci accorgiamo delle cose che abbiamo più vicine! 😉

  5. Cristina Giordano Reply

    Sono stata a Napoli tempo fa ma mai visto un suo murales, mi sono segnata i luoghi dove ammirarli, sono davvero belli

  6. Io adoro la street art e la cerco sempre in giro per il mondo . Questi murales sono magnifici

  7. Sono appassionata di Street Art e vederli nascere dal nulla è una delle cose che amo di più. Anche a me è capitato di vederne realizzare uno davanti a me, in meno di due giorni. Un’esperienza incredibile che porto ancora nel cuore. Amo questi artisti moderni che regalano arte al mondo.

  8. Wow! Che artista! Veramente impressionante la street art sperando che ogni dipinto duri molti anni!

    • Angi Reply

      Speriamo davvero, amo la street art, perchè è, prima ancora che arte ed estetica, una vera riflessione sociale.

Write A Comment

error: Contenuti protetti da Copyright