Arte nelle cave – Les Carrières de Lumières in Provenza

Nel nostro girovagare per la Provenza, un luogo ci ha particolarmente colpito, accompagnandoci in un nuovo modo di vivere l’arte, le cave de Carrières de Lumières. Si trova a Les Baux de Provence, tra Avignone e Arles e fino a qualche tempo fa, era… una cava di bauxite!

Chiusa definitivamente verso la metà del XX secolo, ultimamente, è stata riportata a nuova vita. L’artista francese Jean Cocteau, ne ha intuito il potenziale come spazio espositivo e ha fatto partire un investimento di oltre 2 milioni di euro. Questo ha permesso di renderla, non una mostra, ma un vero e proprio teatro delle emozioni.

Le Carrières de Lumières in Provenza 9

Cosa sono le Carrières de Lumières

Le pareti in calcare, delle cave de Carrières de Lumières, bianche, lisce e altissime, sono uno sfondo perfetto per una rappresentazione multimediale. Infatti un’equipe tutta italiana, Culturespaces, è riuscita nell’intento, di unire arte e tecnologia, senza stravolgere il valore più profondo delle opere mostrate, anzi sono riusciti addirittura ad enfatizzarlo e farti sentire parte di esso.

Le Carrières de Lumières in Provenza 1

Il significato di Carrières de Lumières è Cave della luce. Lo spettacolo si basa infatti su giochi di luce multimediali, dove sono proiettate, centinaia di opere d’arte,g accompagnate da una colonna sonora creata per l’occasione da AMIEX® (Art & Music Immersive Experience). I numeri, già ne fanno capire la grandiosità:

  • 40 minuti di spettacolo emozionale
  • 70 videoproiettori che riproducono le opere su pareti, soffitto ed in alcuni casi anche pavimento
  • 2.000 immagini proiettate
  • 7.000 mq di superfici di pietra calcarea

Le Carrières de Lumières in Provenza 4

La mostra di Van Gogh

La realizzazione che abbiamo visto, raccoglie tutte le opere che caratterizzano l’evoluzione artistica di Van Gogh. Lo spettacolo si chiama infatti Van Gogh – La nuit étoilée ed è un viaggio nel mondo del pittore olandese, raccontando, con le immagini proiettate sulle pareti bianchissime, la sua evoluzione di artista.

In questo spettacolo si sottolinea il suo percorso poetico, le sue fasi, fra luci, esaltate dai vivaci colori della Provenza e ombre, proprio come è stata in fondo la sua vita.

Le Carrières de Lumières in Provenza 10

Fra una rappresentazione e l’altra, dello spettacolo su Van Gogh, segue una proiezione intitolata Japon Revé (Giappone sognato), dove si vedono varie opere di artisti giapponesi ed in cui compaiono lanterne volanti, fiori di ciliegio e samurai. Tra le varie opere, l’ammirazione più grande è stata per la La grande onda di Kanagawa, dell’artista giapponese Katsushika Hokusai.

Questo teatro delle emozioni, aiuta noi adulti, ad avere una visione diversa di queste opere. Ma è, sicuramente, una bellissima esperienza, anche per i più giovani, abituati ai video e allo schermo, imparano così a conoscere gli artisti, entrando in questa arte sull’arte e lasciandosi coinvolgere, in questa modalità sicuramente più attuale.

Un’esperienza, che ci proietta letteralmente nel talento dell’artista in questione, noi abbiamo avuto la fortuna di farci coinvolgere dall’arte di Van Gogh.

Le Carrières de Lumières in Provenza 5

Se andate d’estate è anche un modo per rinfrescarvi, perchè all’interno l’aria è leggermente fredda, ci sono infatti circa 16 gradi, direi che conviene portarsi dietro una felpa.

Ogni anno la galleria Carrières de Lumières propone nuove rappresentazioni. Da Marzo 2019 al 5 gennaio 2020, in mostra troviamo Nuit Etoilée di Vincent Van Gogh.

Orari

Le Carrières de Lumières sono aperte tutti i giorni.

  • Gennaio, Marzo, Novembre e Dicembre: 10.00 – 18.00
  • Aprile, Maggio, Giugno, Settembre e Ottobre: 9.30 – 19.00
  • Luglio e Agosto: 9.30 – 19.30

Prezzi biglietti:

  • intero costa 13 euro
  • giovani (7 – 25) costa 11 euro
  • bambini sotto i 7 anni gratis

Per maggiori informazioni: sito ufficiale Les Carrières de Lumières

Come arrivare

Le Carrières de Lumières si trova a :

  •  800 metri da Chateau-des-Beaux
  •  25 km a sud di Avignone
  •  70 km d’Aix-en-Provence
  •  86 km da Marsiglia

Vi si arriva con le autostrade A7, A9, A54.

Per parcheggiare non è difficile, ci sono molti parcheggi gratuiti nei dintorni.


Ti è piaciuto il nostro articolo?
Iscriviti alle nostre newsletter e rimani aggiornato sui nuovi articoli!


 

Ti piace l'articolo? Condividilo!
Author

18 Comments

  1. Ma e’ meraviglioso! Non ho capito se e’ gratuito o si paga… in ogni caso mi sembra imperdibile, grazie per la segnalazione. Sono abituata alla Scozia ma portero’ la felpa. 😀

    • Angi Reply

      Non è gratuito, ma vale veramente il costo del biglietto! 😉

  2. Spettacolare. Siamo stati diverse volte in provenza negli ultimi anni, ma non ero a conoscenza di questa meraviglia. Credo che se dovessimo tornare ad Avignone in primavera, sarebbe la prima cosa che mi fionderei a vedere. Belle anche le tue foto, rendono bene la magia del posto.

    • Angi Reply

      Grazie mille, comunque dal vivo è come entrare nei quadri! Se ti capita, cerca di andare, non so che pittore ci sarà a primavera, ma sarà sicuramente un’esperienza molto bella!

  3. Dev’essere davvero una grande esperienza: io amo molto le modalità alternative per raccontare l’arte, soprattutto quando coinvolgono ambienti così.

    • Angi Reply

      È veramente l’arte nell’arte, una bellissima esperienza!

  4. Ma che spettacolo!!! Mi piacerebbe tantissimo visitarle, soprattutto per Van Gogh che è il mio pittore preferito!!

  5. ho letto diversi articoli sulla provenza ma è la prima volta che leggo di questa installazione! ed è un vero peccato perchè sembra bellissima! le foto lasciano a bocca aperta, immagino che dal vivo sia ancora più spettacolare

    • Angi Reply

      È veramente mozzafiato, se ti capita di tornare in Provenza, non lasciartelo scappare! 😉

  6. Che meraviglia!! Sono stata a Les Beaux de Provence tanti anni fa… probabilmente non c’era ancora… in caso contrario mi sono persa qualcosa di incredibile. I Francesi sono davvero dei maestri in queste installazioni e riescono a valorizzare il loro patrimonio artistico e culturale

    • Angi Reply

      È vero i francesi sono bravissimi nella valorizzazione del loro patrimonio, dovremmo imparare da loro… con tutti i beni che abbiamo!

  7. Ho girato la Provenza in lungo e in largo negli ultimi 20 anni, ma qui non ci sono ancora stata e devo assolutamente rimediare. Mi hanno intrigato moltissimo

    • Angi Reply

      L’insatallazione è recente, una buona scusa per tornare in Provenza! 😉

  8. Raccontare l’arte e’ sempre una buona idea e come sempre i francesi ne sono maestri…mi piacerebbe molto visitare questo luogo, quanto costa il biglietto?

Write A Comment

error: Contenuti protetti da Copyright