Il Pozzo di San Patrizio

Il pozzo di San Patrizio 1

Oggi la giornata è stata un po’ più difficile del solito, così mentre cercavo di abbassare il mio strato di stress, mi è venuto in mente un detto. Questo detto viene usato, solitamente quando, nonostante i molti soldi e il grande impegno profuso, qualcosa non va come si era sperato, in questo caso, si dice… è come il pozzo di San Patrizio!

Mi sono ricordata così il famoso Pozzo di San Patrizio che si trova in Umbria, proprio nel centro della città di Orvieto.

La leggenda 

Il pozzo di San Patrizio 4

Questa storia ha origini irlandesi. In Irlanda, infatti, nel periodo del Medioevo, in un piccolo lago della contea di Donegal, nell’isolotto di Station Island , posto proprio nel mezzo del lago, esisteva una caverna, dove San Patrizio, patrono dell’Irlanda, si raccoglieva a pregare. La caverna, indicata al santo proprio da Cristo, era profonda e buia. L’intenzione di San Patrizio era di mostrare le pene dell’Inferno, ai fedeli che avessero avuto la forza e il coraggio, di raggiungere il fondo della grossa caverna. In cambio, avrebbero avuto a loro pro, la remissione dei peccati. Il pozzo costruito a Orvieto, fu chiamato di San Patrizio proprio perchè, oltre a garantire l’acqua nei periodi di calamità, divenne ben presto un luogo di pellegrinaggio e di espiazione dei peccati.

La storia

La fama di questo pozzo, è dovuta principalmente, alla sua singolare struttura, che lo rende una particolarissima opera di ingegneria idraulica. Fu costruito da Antonio da Sangallo il Giovane (1527-1537), per ordine di Papa Clemente VII, che si era rifugiato ad Orvieto, durante il sacco di Roma (1527). Papa Clemente temeva che l’approvvigionamento idrico della città, avrebbe potuto essere insufficiente, in caso di assedio. Orvieto infatti, è stata costruita sulla sommità di una rupe tufacea, e le sorgenti di acqua dolce, sono presenti solo alla base della rupe. La città medievale, fino ad allora, si riforniva principalmente di acqua piovana.

La struttura

Il pozzo di San Patrizio 2

Il Pozzo di San Patrizio, è formato da una camera cilindrica, larga 13 metri, che scende fino ad una profondità di 63 metri. Attorno alla camera, si svolgono a spirale sovrapposte, due ampie scale a chiocciola, di 248 gradini l’una. L’ingegnoso sistema elicoidale di scalini, permetteva infatti agli animali da soma, utilizzati per trasportare acqua attinta dal fondo della cavità, di non intralciare il cammino di chi risaliva in superficie. La sua ispirazione arriva dalla bellissima scala a chiocciola della Villa del Belvedere in Vaticano.

Mentre si scende, dalle 72 finestre distribuite lungo tutta la lunghezza del pozzo, la luce diviene sempre più soffusa, è veramente suggestivo. La penombra lascia intravedere un piccolo ponte che collega le due scalinate, dove sul fondo emerge l’acqua, alimentata dalla fonte di San Zeno.

Dove si trova

Il pozzo di San Patrizio, si trova in Viale Sangallo presso Piazza Cahen, 5B ad Orvieto (TR)

  • In auto: si può raggiungere con l’Autostrada A1 Firenze-Roma ed uscita ad Orvieto
  • In treno: prendere la linea Firenze-Roma, stazione di Orvieto

Orario

Aperto:

  • Gennaio – Febbraio – Marzo – Ottobre – Dicembre: h. 10.00 – 17.00
  • Aprile – Maggio – Giugno – Luglio – Agosto – Settembre: h. 9.00 – 19.00

Biglietti

Per saperne di più: Musei di terni


Ti è piaciuto il nostro articolo?
Iscriviti alle nostre newsletter e rimani aggiornato sui nuovi articoli!

 

Ti piace l'articolo? Condividilo!
Author

9 Comments

  1. Un luogo bellissimo e molto affascinante.
    Ho avuto la fortuna di visitarlo qualche anno fa e mi ha molto colpita!
    Grazie anche per la spiegazione storica.

  2. Ciao, Orvieto è veramente una città molto carina, è vicina a Roma e ci sono stata tanto tempo fa, ma purtroppo non ho visto il pozzo… ci tornerò sicuramente.

  3. mary pacileo Reply

    Sono stata in questa splendida città, purtroppo questo pozzo non sono riuscita a vederlo al suo interno, che bello!!!

  4. Che bello rileggere del pozzo di San Patrizio. C’è un bellissimo testo medievale che ne parla… avevo dato un esame all’uni su quel testo!

  5. Non ho ancora avuto il piacere di visitarlo, ma ti confesso che la leggenda ad esso legato e la sua stessa struttura mi incuriosiscono molto. Cercherò di visitarlo presto.

  6. maria boiano Reply

    Leggendo l’articolo mi sembra un posto molto bello e suggestivo, mi piacerebbe molto visitarlo!

  7. Che bello! Non conoscevo il luogo e tanto meno il posto, una vera novità per me!

Write A Comment

error: Contenuti protetti da Copyright