Egitto, crociera sul Nilo un paesaggio magico e senza tempo

 

La vacanza in Egitto, ed in particolare la crociera sul Nilo, ti proietta indubbiamente, in un paese misterioso, magico e senza tempo. Sotto la sua sabbia dorata, si scoprono siti archeologici fra i più importanti nella storia dell’umanità.

È un Paese ricco di splendidi paesaggi naturali, di maestosi monumenti, di leggende e segreti di un popolo antico e colto. È indiscutibilmente uno dei viaggi da fare, almeno una volta nella vita.

egitto tempio di abu simbel

Anche noi, affascinati da questa prospettiva, ci siamo regalati una crociera, lungo quello che è considerato il fiume più lungo del mondo, il Nilo. Il popolo egiziano è stato, da sempre, fortemente condizionato dalla presenza di questo fiume, che viene chiamato, il fiume degli Dei. È in prevalenza suo il merito, di aver dato vita, ad una delle culture più misteriose di sempre.

Quando e come andare 

Per noi, come sempre, partenza per l’Egitto all’ultimo minuto, da veri fans dei last minute, stavolta però, ci siamo affidati ad un Tour Operator. Nonostante amiamo organizzare da soli i nostri viaggi, in Egitto, sia per una questione di sicurezza, sia per una questione di spostamenti, abbiamo preferito essere guidati da persone esperte del luogo.

Abbiamo anche trovato un buon prezzo, poichè siamo partiti in una stagione forse non proprio adatta, in Agosto. Il forte caldo ha condizionato gli orari di spostamento, con levatacce anche alle 4/5 di mattina, per muoverci con il fresco. Ne è valsa sicuramente la pena, ma, come consiglio, molto meglio dalla seconda metà di Settembre in poi, dove un po’ di ventilazione, attutisce l’afoso caldo africano.

Egitto citta

La paura del terrorismo, negli ultimi anni, ha rallentato notevolmente le partenze, ma sembra che, la percezione della sicurezza, stia tornando alta e il flusso dei turisti sta notevolmente risalendo. Tutto ciò è più che auspicabile, l’Egitto resta per noi, una delle mete più affascinanti e più ricche culturalmente.

Le crociere generalmente durano 6/7 giorni e iniziano o finiscono nella città del Il Cairo. Noi abbiamo scelto la seconda opzione, per trascorrere gli ultimi giorni nella capitale e sentirci liberi di viverla con più tranquillità.

Per cui, partenza dall’Italia, con volo di linea diretto verso Luxor. Appena arrivati, aiutati dalla guida del posto, per le formalità d’ingresso nel Paese, ci siamo subito imbarcati. La nostra prima notte in nave, è iniziata con una buonissima cena dallo stile locale. La crociera è anche una buona occasione per fare nuove amicizie, la mattina così siamo pronti per nuove avventure.

Consigli per soggiorni e strutture alberghiere a Il Cairo

Itinerario Crociera sul Nilo

crocera sul Nilo

Le crociere sul Nilo, sono iniziate insieme al turismo in Egitto. Le prime crociere, risalgono già all’inizio del 1800, in un’epoca dove l’unico modo per visitare il Paese, era via nave. Tutta l’economia dell’Egitto, si è da sempre sviluppata, lungo le sponde del suo grande fiume, lungo più di 6.800 km.

La nostra crociera sul Nilo inizia proprio godendosi il bellissimo paesaggio, durante la navigazione. Le folte zone verdi, che si estendono lungo le due rive, contrastano fortemente con l’arido deserto, che si apre vicinissimo. È straordinario, come la linea di separazione sia netta.

È possibile stare in piedi, con un piede sulla terra coltivata e con l’altro sulla sabbia del deserto e per chi come noi, non aveva mai visto prima la forza del deserto, è davvero impressionante. Una meravigliosa contrapposizione, che lascia senza fiato, e aiuta a capire le caratteristiche contrastanti, che troviamo in molti settori, di questo bellissimo Paese.

Vista Crocera sul Nilo

Arriviamo così, nel più grande museo a cielo aperto, Luxor. La città sembra che sia posizionata dove prima c’era l’antica Tebe. Nei prossimi articoli, cercheremo di passare l’emozione provata nell’ammirare questi luoghi così ricchi di storia.

Gli splendidi colossi di Mennon, alti più di 18 metri e uniche statue rimaste di un grandioso tempio. La solenne Valle dei Re, luogo dove, i faraoni nel silenzio quasi mistico del deserto, cercavano la loro immortalità.

egitto tempio di luxor

Non sono da meno le monumentali terrazze del Tempio della Regina Hatshepsut, l’unico faraone donna di cui si ha testimonianza. Il suo tempio sembra uscito dalla roccia. La parte più alta, quasi si confonde con la roccia stessa.

Navigare verso Horus e godersi il panorama, è veramente gradevole. Qui le navi si avvicinano alla costa, e possiamo vedere come, in Egitto, il tempo sembra si sia fermato. I contadini lavorano la terra con gli stessi aratri, le norie che sollevano l’acqua e i vecchi pozzi a bilanciere, da più di settemila anni.
Ci godiamo il tenue dondolio della navigazione, ammirando la pesca e i giochi di bambini spericolati lungo le rive, e che ci accompagnano fino alla Chiusa di Esna. La chiusa consente alle navi di passare dall’altra parte della diga, superando così il notevole dislivello delle acque del Nilo.
egitto tempio di orus
Il Tempio di Horus, è situato nel centro della omonima città, ed è sinceramente uno dei più suggestivi, fra i numerosi templi, presenti lungo le sponde del Nilo. Di templi in questa parte di fiume nei troviamo molti, erano la casa degli dei, si pensava che, in questi luoghi, il Faraone potesse comunicare con loro, per servirli.
Gli esempi più belli sono, il Tempio di Amon a Karnak, che fu il maggior tempio mai costruito e il Tempio di Abu Simbel, nato dalle visioni del grande faraone Ramesse II.

La Grande Diga e il Cairo

 

In un posto pieno di bellezze antiche, non mancano le grandiose opere recenti, a cominciare dalla Grande Diga di Assuan. Forse non è la più grande in assoluto, ma le sue notevoli dimensioni, alta 3830 metri e larga 980 metri, hanno permesso all’Egitto di migliorare più di un 30% l’area coltivabile.
Con la sua costruzione si è ottenuto la produzione di energia idroelettrica, grazie alla realizzazione di una centrale proprio nei pressi della grandiosa opera ingegneristica. Ha inoltre permesso, di coprire più della metà del fabbisogno di energia elettrica dell’intero Paese. La sua importanza è tale, che è costantemente presidiata da forze militari.

egitto piramidi

Riempiti gli occhi di tanto ingegno, qui finisce il tour lungo il fiume, ma si aprono altre scoperte ed emozioni, una dietro l’altra. Un aereo ci porta direttamente nella caotica capitale, il Cairo. In particolare la nostra prima tappa è la Piana di Giza e successivamente, il Museo Egizio dove si trova la più completa collezione di reperti archeologi dell’Antico Egitto, più di 120 mila, e vi racconteremo di come non perdercisi.

A Giza sorgono le tre più famose piramidi egizie: quelle di Cheope, la più antica, quella di Khepren, figlio di Cheope, e quella di Mykerinos, successore di Kheprene. Spostata un po’ più a sud-est, troviamo la Sfinge, la più grande statua monumentale al mondo, scolpita in un unico blocco di roccia.

egitto sfinge

La gigantesca statua, incuriosisce, sia perchè l’elemento zoomorfo (corpo di leone), si fonde con quello umano (testa), sia per la posizione allungata del suo corpo, con le zampe protese e il copricapo reale che l’hanno resa di diritto, il simbolo dei misteri archeologici per eccellenza. Lo sguardo fisso, verso l’orizzonte orientale, mentre scruta da sempre, il sole sorgere ogni mattina, sono uno dei simboli più amati dell’Egitto.

Questo viaggio è talmente ricco di storia e misteri che non viene lasciata pausa alle emozioni.

Per l’organizzazione di una crociera potete visitare il sito di rollingpandas

Ricordatevi comunque, prima di partire, di verificare la situazione politico sociale del momento, tramite il sito della Farnesina, Viaggiare Sicuri, e poi… godetevi questo viaggio, alla scoperta della culla della nostra storia.


Ti è piaciuto il nostro articolo?
Iscriviti alle nostre newsletter e rimani aggiornato sui nuovi articoli!


 

Author

11 Comments

  1. Sono stata sul Nilo 23 anni fa e vorrei tornare con i miei ragazzi. Non so se è ancora presto. Io andai a novembre e ricordo un caldo opprimente. Però che meraviglia. Civiltà straordinaria che ha fatto cose incredibili

  2. La crociera sul Nilo è una di quelle cose che avrei sempre voluto fare ma non ho mai avuto occasione o voglia di andare fino in fondo per farle.
    Vorrà dire che mi impegnerò di più la prossima volta nel l’organizzare questo tipo di viaggio.

  3. La crociera sul Nilo è stata tra i primi viaggi fatti da ragazza con i genitori, mi era piaciuta tantissimo e vorrei rifarla!

  4. Deve essere davvero emozionante vedere le piramidi egizie da vicino, come sentirsi catapultati tra le pagine dei libri di storia. E la crociera sul Nilo è un qualcosa di meraviglioso!

    • Angi Reply

      Sì è davvero una grande emozione, le sognavo da quando le studiavo sui libri di scuola da piccola!

  5. Io non sono per crociere, l’unica che vermante mi farebbe piacere fare è proprio quella sul Nilo. Grazie delle info!

  6. MARTINA BRESSAN Reply

    Pensa che da piccola volevo fare l’archeologa e avevo una passione innata per l’Egitto. E’sempre stato il mio sogno quello di vedere le piramidi.. ancora adesso non ci sono riuscita! Spero di poter esaudire questo mio desiderio il prima possibile… la crociera sul Nilo, sembra davvero un’esperienza unica!

    • Angi Reply

      Anche io volevo fare l’archeologa, ed andando in Egitto, mi è riscoppiata la voglia, un po’ tardi… ma è stata proprio una bella emozione!

  7. Quella volta che ho scelto il mio percorso di studio ero indecisa se fare l’archeologa. Alla fine ho optato per l’arte. Quindi non posso che non amare questo luogo spettacolare

  8. Claudia e Mattia Reply

    Non sono mai stata in Egitto Ma penso che una crociera sul Nilo tra piramidi e paesaggi desertici deve essere molto affascinante

  9. Sabrina Balugani Reply

    Il primo libro che mi regalò mio padre fu proprio sulla storia dell’Egitto e dei faraoni. Nonostante sia una terra che mi ha sempre affascinato non ho mai avuto modo di approfondire la sua conoscenza ma una crociera sul Nilo potrebbe essere una idea futura.

Write A Comment