Un pomeriggio nella Repubblica di San Marino

 

 

san marino10

 

Oggi pomeriggio abbiamo deciso di varcare i confini nazionali e fare una bella gita nella Repubblica di San Marino. Ci siamo andati dopo qualche giorno di mare nella riviera romagnola. San Marino si trova infatti sul versante orientale dell’Appennino fra Marche e Emilia Romagna, precisamente sul monte Titano, che è il suo principale rilivo con un’altitudine di circa 750 metri.

Guardando la nostra piccola guida alla ricerca di un po’ di arte e cultura, abbiamo visto che è la più antica Repubblica esistente e il terzo Stato più piccolo del mondo, con i suoi circa 61 kmq di superficie. Le piccole dimensioni permettono di goderselo muovendosi a piedi, si può parcheggiare camper o auto nelle vicinanze del centro storico, nella zona più bassa e poi scarpe comode e partenza!. 

 

san marino 11

 

Le origini del nome San Marino derivano, secondo tradizione, da un tal scalpellino di nome Marino, venuto dalla Dalmazia nel 257 d.C. Egli era  in fuga dalle persecuzioni cristiane perpetrate dall’Imperatore romano Diocleziano. Stabilì così, proprio sul Monte Titano, una comunità che poi divenne villaggio e infine comune, nel XIII secolo. Nacque così la Repubblica di San Marino, uno Stato autonomo e indipendente riconosciuto in tutto il mondo.

Il centro storico di San Marino e l’imponente Monte Titano sono stati inseriti tra i beni del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco nel 2008 in quanto testimonianza della continuità di una Repubblica libera fin dal XIII secolo.

Camminare nel centro di San Marino sembra un viaggio a ritroso nel tempo, tanto è ben conservato. I suoi castelli ricchi di storia, i musei, i monumenti e le piazze ma anche i negozi e i mercatini creano un’atmosfera medioevale molto suggestiva. È proprio una bella gita da fare in famiglia ma anche romanticamente in due.

 

 Repubblica di San Marino e il Palazzo Pubblico

 

San Marino

 

San Marino, essendo una Repubblica, esiste la sede del parlamento sanmarinese. La possiamo trovare nel cuore storico della città, esattamente nel cosiddetto Pianello, ovvero Piazza della Libertà. La Piazza è stata inaugurata nel 1894, ed è costruita interamente in pietra arenaria estratta proprio dal Monte Titano. Molti sostengono che somiglia un po’ Palazzo Vecchio di Firenze, è comunque un palazzo molto bello da vedere e si armonizza benissimo con la piazza.

Al suo interno si possono ammirare trofei, iscrizioni, stemmi, fregi e busti di uomini illustri che hanno segnato la storia del Paese, tra questi spicca quello di  Giosuè Carducci. Il poeta tenne il discorso inaugurale del Palazzo Pubblico, scrivendo un inno alla Libertà perpetua di San Marino. Ne ebbe un’accoglienza a dir poco entusiastica, tanto da rimanere nel cuore dei cittadini che gli dedicarono successivamente diverse onoreficenze, nonostante lui non vi sia in realtà più tornato.

Le opere più conosciute che possiamo ammirare sono: l’Aula del Consiglio dove dal 1848 si riuniscono i 60 parlamentari della Repubblica; la statua bronzea del Santo Fondatore e la Torre Campanaria che si trova alla sinistra del Palazzo Pubblico.

 

Statua della liberta san marino

 

Di fronte a Palazzo Pubblico si trova uno dei simboli della Repubblica San Marino, la Statua della Libertà. Rappresenta una guerriera che avanza fieramente, con una mano protesa in avanti e una bandiera. In testa ha una corona, con le Tre Torri simbolo della la Repubblica libera. Questo inno celebrativo fu realizzato in marmo di Carrara, da un artista sammarinese, Stefano Galletti.

La curiosità è che… con questo nome si pensa subito alla Statua della Libertà di New York, ma nonostante la simbologia sia la stessa, i sammarinesi vincono in tempestività, la loro è stata collocata nella piazza dieci anni prima di quella americana.

 

Palazzo Pubblico

Contrada del Pianello, 47890

Città di San Marino – San Marino

 

Le Tre Torri

Simbolo di San Marino sono le Tre Torri medioevali, costruite dalla Repubblica a scopo difensivo contro i potenti Malatesta di Rimini. Il primo riscontro grafico della loro esistenza risale al 1253, si trovano anche nelle monete e sulla bandiera della Repubblica di San Marino. Le Torri dominano il Monte Titano e sono collegate fra di loro da un lungo camminamento merlato che parte dal centro di San Marino, chiamato Passo delle streghe, dal quale si possono ammirare i bellissimi panorami della valle. Anche se è in salita, è sicuramente agevole da percorrere anche con bambini e passeggini. I bambini infatti lo hanno fatto quasi di corsa, noi un po’ più lentamente! Per arrivare alla terza torre il percorso è leggermente più impervio, anche per questo la strada è quasi sempre chiusa.

 

San Marino le tre torri

 

La prima Torre, detta la Guaita o Rocca, è la più grande e la più antica delle tre. Risalente al XI secolo, si tratta di un vero e proprio castello: infatti, al suo interno, include una chiesetta e i resti delle antiche prigioni.

La seconda Torre, la Cesta, sorge nel punto più alto del Monte Titano e internamente ospita il Museo delle Armi Antiche con oltre 700 esemplari di armi storiche.

Infine, sempre attraversando il percorso in pietra del Passo delle Streghe, anche se questo tratto è più accidentato, si raggiunge la terza Torre detta il Montale, la più piccola e la più slanciata delle Tre Torri. Non può essere visitata, ma internamente si trova una prigione, detta Fondo della torre, profonda più di 8 metri, da cui i prigionieri difficilmente uscivano vivi.

 

san marino2

Basilica di San Marino

L’ultima tappa del nostro tour giornaliero a San Marino è la sua bellissima Basilica. La chiesa è stata dedicata al Santo fondatore della Repubblica ed è diventata negli anni, centro della vita sociale e religiosa dei sammarinesi.

Costruita in stile neoclassico a partire dal 1826, dove un tempo sorgeva la vecchia Pieve cinquecentesca in Piazzale Domus Plebis, uno dei primi monumenti cristiani in Italia di stile preromanico. La caratteristica che attira l’attenzione, è l’eleganza semplice degli splendidi colonnati corinzi, che ritroviamo anche all’interno. La Basilica al suo interno è caratterizzata da tre navate, composte da sedici colonne corinzie. Sotto l’altare maggiore sono conservate, in una piccola urna, le reliquie del Santo e Patrono della città. L’interno è veramente molto lineare e luminoso, anche perchè il colore dominante è il bianco. Merita sicuramente una visita. L’entrata è gratis.

Basilica di San Marino

Piazzale Domus Plebis, 47890

Città di San Marino – San Marino

Cosa mangiare

San Marino shopping

 

Lasciando da parte un po’ di arte, San Marino è anche una meta interessante e piacevole per chi è amante dello shopping. Grazie ad un carico fiscale meno gravoso, è spesso più facile trovare oggetti a minor prezzo, sia nelle belle vetrine che nei mercatini che riempiono la città.

 

San Marino shopping 3

 

Anche sul piano dolciario San Marino non scherza, i bambini hanno apprezzato tantissimo il dolce tipico che si chiama i Tre Monti. È una cialda di wafer e cioccolato che solitamente i romagnoli definiscono waferone. Buonissimo mangiato bevendo un vino del posto, per noi un buon bianco il Biancame o la Ribolla. Se volete pranzare il piatto tipico è la zuppa di fagioli, magari con un buon rosso Sangiovese.

 

San Marino shopping 1

 

Continuare a passeggiare, aspettando il tramonto, è sicuramente piacevole lungo le stradine con locali e negozi per tutti i gusti e per ogni tasca. Anche perchè, vi consiglio di aspettare il tramonto, uno spettacolo!

San Marino:

Autostrada A14 Bologna-Ancona; uscita dal casello Rimini Sud – Superstrada Rimini-San Marino SS72

Info di viaggio Repubblica di San marino

[dt_divider style=”thin” /]

 

Ti è piaciuto il nostro articolo?
Iscriviti alle nostre newsletter e rimani aggiornato sui nuovi articoli!

 

[dt_divider style=”thin” /]

Author

17 Comments

  1. San Marino va vista almeno una volta nella vita. Piccolina ma molto affascinante, e con il tuo articolo sei riuscita a rendere a pieno l’idea di come passare una bella giornata in questo posto speciale

  2. Io sono stata a San Marino e mi ha affascinato un sacco è un borgo meraviglioso! Ti lascia una sensazione magica!!

  3. Così vicino, così lontano: confina con l’Italia ma io vivo piuttosto distante da San Marino perciò non ci sono mai stato. Grazie per il tuo articolo con belle foto che danno un’idea del posto e mi fanno venire la voglia di farci un giro.

    • Angi Reply

      Spero che presto tu riesca a vederla, perchè vale veramente!

  4. Sai che da molto che ci diciamo di andare a San marino e alla fine non siamo ancora stati.. con questo articolo mi hai fatto ritornare la voglia di partire alla scoperta di questo staterello . Grazie.

    • Angi Reply

      Mi fa veramente piacere, si trova storia, arte e buona tavola!

    • Angi Reply

      Grazie a te, fammi sapere quando ci vai se ti è piaciuto!

  5. Sono stata a San Marino in gita scolastica nei primi anni di liceo. Non la ricordo benissimo perché, purtroppo, avevamo un professore che su tante cose era più svogliato di noi studenti. Adesso invece mi sta tornando la voglia di rivedere quei posti. Mi piace l’arte e le belle passeggiate. Ed essendo piccola si gira anche in giornata.

    • Angi Reply

      San Marino è uno di quei posti dove fai il pieno di arte, storia, gastronomia e shopping in poco più di mezza giornata! 😉

  6. Non avevo mai considerato San Marino, devo essere sincera, ma dal tuo racconto e dalle tue foto sembra un posto davvero carino e interessante dal punto di vista storico.
    E adesso che ho letto del waferone mi è venuta una gran gola! 😉

    • Angi Reply

      Il waferone, con un buon vino del posto, ti faranno apprezzare tutto ancora di più! 😉

  7. Ho dei bellissimi ricordi legati a San Marino!!! Tante vacanze della mia infanzia passate nelle località balneari vicine…e la tappa in questa piccola repubblica era obbligata!!! Meravigliosa!!! Spero di tornarci presto!

    • Angi Reply

      È vero la vicinanza alla riviera Romagnola, permette di andarci anche di pomeriggio, per godersi la serata al fresco! 🙂

  8. San Marino pur essendo un microstato nel nostro bel paese, non sono mai riuscita a visitarlo fino adesso. Sembra uno di quei borghi bellissimi italiani. Il cammino dell streghe dev’essere interessante e mi piacerebbe farlo, sicuramente la vista dev’essere molto suggestiva. E sono curiosa di provare il waferone Tremonti!

Write A Comment